Diario

La Fabbrica di Cioccolato – Tim Burton

Nettamente in ritardo come al solito per gli aspetti cinematografici ho finalmente visto questo bellissimo film di Tim Burton.
Ci sarebbero un sacco di cose da dire, partendo dal ringraziare Roald Dahl per averci regalato una paio di libri veramente belli, si tratta di letteratura per ragazzi ma chi volesse fare un tuffo nel passato trova in queste due opere avventure mirabolanti che adesso sembrano scomparse dalla faccia della terra.
Tutta la mia devozione va agli Oompa Lumpa, rappresentati in una veste avveniristico assurda molto carina.
Willy Wonka me lo aspettavo un po’ più austero devo ammettere, ma Johnny Depp lo interpreta molto bene e le scelte di regia su alcune gag ci stanno alla perfezione, dieci e lode agli scontri con l’ascensore di cristallo! Inoltre meritano un voto di estrema simpatica gli scoiattoli, le ambientazioni di Tim Burton sempre a cavallo dell’onirico e con una puntina di macabro, ad esempio l’ospedale per le marionette bruciate ma soprattutto Danny Elfman per la colonna sonora, che fra l’altro nella versione inglese ha in parte cantato. Ho scoperto sia un guru delle colonne sonore di diverse grosse produzioni, ma le fantastiche e ironiche canzonicine degli Oompa Lumpa avrebbero sicuramente meritato più attenzione dal pubblico.

Per chi volesse scovare una chicca di Tim Burton poco conosciuta rispetto alla maggior parte dei suoi lavori, consiglio di guardarsi il cortomoetraggio Vincent, tetro, buio, ma davvero toccante e molto fedele alla linea del suo autore.

Willy Wonka e La Fabbrica di Cioccolato
Recensione di Maurizio Porro

Vincent