Biscottini al miele e cioccolato, da tè e da ufficio

“Il miele si sente un sacco”

Nessun animale innocente è stato usato per testare questa ricetta e posso dire con una certezza quasi definitiva che tutti coloro che si sono rimpinzati dei biscotti in questione sono ancora vivi e vegeti.

Questa volta volevo provare a fare dei biscotti secchi al miele tanto per cambiare e per puro sfizio personale.

Ovviamente le principali ricette che ho trovato rientrano in due insiemi ben definiti:

- i biscotti al miele di natale da un lato (molto spesso speziati, ancora un po’ fuoristagione e non si sa mai se piacciono a tutti, se sono abbastanza dolci, se dovevi mettere più cannella, meno miele, più glassa e via dicendo)

- i dolci della tradizione est-europea e mediorientale (e qui entriamo nella scuola di vere e proprie leccornie che prevedono nella maggior parte dei casi però preparazioni della durata di ore se non giorni interi).

Immersa nei dubbi più atroci ho deciso di unire una ricetta di mezzelune agli agrumi (simile a questa) ritrovata in un libro reduce da uno dei vari natali passati con quella degli Honigguetzli di un volumetto degli anni ottanta tedesco della linea Backen Macht Freude del Dr. Oetker.

Ho deciso di usare miele di castagno consapevole di quanto sia forte e di coprire con cioccolato fondente per dare un po’ di gusto in più.

Ingredienti per circa tre teglie di biscotti ( circa 60 pezzi del diametro di 3 cm o 30 pezzi di misura mediogrande).

200 g circa di farina 00, 100 g di miele di castagno (se non vi piace consiglio arancio o acacia), 75 g di zucchero, 150 g di burro, un pizzico di sale, un cucchiaino raso di lievito in polvere, la buccia grattuggiata di un limone, il succo di mezzo limone, un cucchiaio di aroma di fiori d’arancio, noce moscata qb, acqua qb Per la copertura al cioccolato: 2 o 3 cucchiai di latte, una noce di burro, 100 g di cioccolata fondente possibilmente da cucina.

All’opera

In una piccola casseruola fate sciogliere a fuoco lento miele, burro e zucchero aiutandovi con un un po’ d’acqua (poca per volta). Evitate che il composto diventi troppo liquido assicurandovi solo che sia ben amalgamato. A parte setacciate la farina unendo lievito, sale e noce moscata.

Quando il composto a base di miele ha una densità ottimale toglietelo dal fuoco, aggiungete il succo di limone, l’aroma di fiori d’arancio e la buccia di limone. Iniziate quindi a incorporare la farina poche cucchiaiate alla volta. Facendo prendere correttamente aria all’impasto la farina dovrebbe unirsi in modo omogeneo favorita dal raffreddamento della parte di miele e burro.

Potrebbe servire farina aggiuntiva per permettere di lavorare bene l’impasto alla fine. Lo notate se iniziando a lavorare l’impasto con le mani non è abbastanza elastico. La pasta rimarrà molto morbida, stendetela con attenzione su un piano ben infarinato e iniziate a preparare i biscotti alti circa 3 mm, ritagliateli usando un coppapasta dai bordi frastagliati.

Infornate per circa 15 minuti a 180° C.

Per preparare la cioccolata vi serviranno circa 15 minuti. Sminuzzate il più possibile la cioccolata fondente e preparate due tegami per la cottura a bagnomaria. Per questa procedura vi rimando a un post interessante di Dario Bressanini che dovrebbe aprirvi occhi e orecchie sui perché e sulle procedure corrette. La cosa necessaria è stare vicini al cioccolato per tutto il tempo, continuare a mescolare, controllare il fuoco (medio) e togliere appena pronto prima che sia troppo tardi e inizi a rapprendersi.

A vostro piacimento coprite completamente i biscotti oppure solo per metà come ho fatto io. Se non volete usare il cioccolato per tenerveli come compagni di un tè con le amiche penso sia il caso di spennellarli con un po’ d’uovo e zucchero.

  • http://twitter.com/maghetta MaghettaStreghetta

    Dopo 20 anni di inferno verrò perdonata per aver scoperto ora questo luogo, vero? 

  • http://twitter.com/bia_hvid Bianca Ferrari

    Nessun problema, guarda anche perché negli ultimi messi ha avuto diverse vicissitudini ;) Se hai consigli sulle ricette sono bene accetti ovviamente!