Diario

Pasticcini Hip Hip Rum

Quella lieve inzuppatina di rum 

I pasticcini sono più un concetto che un dolce. I biscotti sono compagni di viaggio, sono quotidiani, sono quelli da impilare uno sull’altro e da mangiare almeno tre alla volta. I pasticcini sono posh: devono avere un minimo di presentazione e si fanno guardare.

In questo frangente interviene il rum: malattia della sottoscritta da quando aveva 12 anni che (giuro) cercò di ammazzare la famiglia una sera di capodanno con degli innocenti tartufi al cioccolato letteralmente annegati nel rum a 80°.

Di seguito la ricetta per dei pasticcini / paste di medie dimensioni e ben farciti per non farsi mancare nulla. Questa volta la ricetta è separata in due fasi: preparazione e montaggio. Il montaggio finale, quello che ‘prendi-tagli-decori-farcisci-ti lecchi le dita‘ è disegnato: così capite subito e io faccio prima.

Have fun e non siate timidi: abbondate con l’inzuppatina di rum.

Ingredienti per circa 12 pasticcini

80 g di burro, 70 g di farina 00, 50 g di farina di riso, 50 g di zucchero semolato, 2 uova, la punta di un cucchiaino di lievito in polvere, la punta di un cucchiaino di vanillina in polvere

Per la farcitura: rum scuro, marmellata di amarene (circa 100 g, ottima anche se leggermente acidula), palline colorate di zucchero (quelle del diametro di circa 2 mm, in alternativa granella di zucchero)

All’opera

Lavorate burro e zucchero creando un composto cremoso, e alla fine aggiungete i tuorli delle due uova. Di seguito setacciate la farina e unite lievito e vanillina. Montate a neve ben ferma i bianchi delle due uova. Poi aggiungete la farina e per ultimi gli albumi montati a neve, pochi alla volta e mescolando sempre nello stesso senso.

A questo punto prendete dei pirottini di carta (caldamente consigliati: l’impasto è piuttosto morbido) e suddividete l’impasto. Dovrebbero uscirvi circa 12 paste. Decorate con le palline di zucchero colorato.

Infornate per 20 minuti a 180°C.

Sfornate, fate asciugare e vi troverete con un tipo di pasta abbastanza soffice e profumata.

   

A questo punto che l’operazione farcitura abbia inizio: se avete un pennello per alimenti bene altrimenti prendete un cucchiaio (che va comunque bene). Diluite il rum con un po’ di acqua e zucchero in una ciotola: se avete un bicchiere da amaro di rum aggiungete 1/6 di acqua e un cucchiaino abbondante di zucchero (per capirci).

Come ho disegnato qui sotto ogni pasticcino va tagliato a metà. Il rum va messo sulla superficie interna della base, poi va messa la marmellata di amarene e quindi richiuso il tutto. Tipo sandwich. E i pirottini vi torneranno utili anche perché potete portarli in giro anche con abbondante farcitura di marmellata – come ha fatto la sottoscritta – senza far danni.

 

Consiglio: potete aggiungere alla pasta circa 50 g di ingrediente aggiuntivo a vostro piacimento e cambiare la farcitura. Ad es. 50 g di cocco grattuggiato da associare con una crema di nocciola, oppure della farina di mandorle (in questo caso diminuite un po’ la quantità di farina di riso) e farcitura di marmellata di frutti gialli (pesche, albicocche, cotogne).